Professions for migrants (5 professions without certification, 5 professions with certification) | Professioni per migranti (5 professioni che non richiedono certificazione, 5 professioni che richiedono certificazione)

Gli stranieri che lavorano in Italia, esattamente come gli Italiani, partecipano attivamente all’economia del paese svolgendo un’attività dipendente o autonoma. I paesi di provenienza sono soprattutto l’Europa Centro-orientale ( Ucraina, Polonia, Moldavia, Bulgaria, Romania ) con una percentuale del 43%, a seguire con un 30% dall’Africa ( Egitto, Marocco, Tunisia, Algeria, Camerun, Ghana, Capo Verde, ecc) 17% dall’Asia e 10% dall’America Latina. I lavoratori-stranieri sono più uomini ( il 52% ) che donne (35%), più al nord ( 58%) che al sud (14%) e il 68% hanno dai 25 ai 45 anni con una percentuale del 20% di irregolari. Le più recenti indagini di mercato, a cominciare dall’Eurisko, registrano un ‘80% di lavoratori stranieri con un’attività commerciale o un lavoro.

Vediamo allora come è distribuito il loro lavoro. Si dividono soprattutto in prestatori d’opera, con un buon 34% in cui si inseriscono lavoratori domestici, assistenti domiciliari per persone non autosufficienti come anziani, malati o bambini. C’è poi una buona percentuale che opera in questo settore da lavoratore dipendente (24%), come operai, infermieri, addetti alla ristorazione, addetti alle pulizie, ecc. Il 14% ha una sua attività commerciale o artigianale, mentre il 9% è in cerca di un’occupazione. Per trovare lavoro gli immigrati si rivolgono in genere a parenti e amici, si indirizzano poco alle agenzie interinali, agli uffici per l’impiego, ai servizi sociali e ai sindacati. Anche le modalità con cui si trovano a lavorare in Italia sono simili, poiché vengono quasi sempre su suggerimento di amici e parenti o per il ricongiungimento familiare. Di questi, circa il 26% abita in un trilocale e un 21% in un bilocale, mentre soltanto il 18% possiede una casa propria, anche se il 25% vuole comprarla in futuro. Di questi lavoratori, il 56%, secondo le indagini svolte, non ha avuto particolari problemi nel trovare una casa al suo arrivo sul suolo italiano. 

Riferimenti

Agenzia Nazionale Politiche Attive sul Lavoro http://www.anpalservizi.it/wps/portal/homepage
Atlante delle Professioni http://www.atlantedelleprofessioni.it/
Istituto per la Formazione Professionale dei Lavoratori http://www.isfol.it/temi/Inclusione_sociale
EURES http://www.anpal.gov.it/Notizie/Pagine/Eures-opportunita-di-lavoro-in-Italia.aspx
CEDEFOP http://www.cedefop.europa.eu/en/country-data/italy
Portafuturo www.portafuturo.it
Caritas www.caritasitaliana.it/
Stati Generali dell’Innovazione www.statigeneralinnovazione.it/online/
Fondazione Mondo Digitale www.mondodigitale.org/it

 

ClicLavoro www.cliclavoro.gov.it/Pagine/default.aspx
image_pdfimage_print
Scroll Up